Ciacci

DIAMANTE : Pietra del segno del LEONE

PIETRA DI LUNA

Nella lingua hindi la Pietra di Luna è chiamata chandrakant, ossia “prediletto dalla luna” e deriva dal sanscrito “chandra” (luna) e “kanta” (prediletto).

 

 

GEMMA: PIETRA DI LUNA

SEGNO ZODIACALE:  CANCRO

 

La pietra di luna è gemma di intuizione e comprensione profonda, aiuta a bilanciare il corpo emozionale accentuando la libertà di espressione, ed attenua in particolare le tendenze aggressive. Favorisce il controllo e l’equilibrio delle emozioni, aiuta a non identificarsi con uno stato emotivo al fine di raggiungere uno stato di pace e serenità, attenua il comportamento “lunatico” e protegge dai vecchi modelli emotivi e dalle tendenze autodistruttive. Essa aiuta a essere più consapevoli del fatto che tutte le cose sono parte di un ciclo di cambiamento costante. Il momento ideale e di massima risonanza per usare la pietra di luna è durante la fase di luna piena.

Utile alle persone che tendono ad andare da un eccesso all’altro e a chi è portato a cambiare facilmente atteggiamento per esempio passando da un eccessivo razionalismo a una esagerata illogicità.

 

SIGNIFICATO:

La PIETRA DI LUNA è nota anche come Selenite e Adularia e deve il proprio nome alla somiglianza con la luna; infatti il termine Selenite deriva dal greco “selene”, che significa luna e che nella mitologia greca è anche il nome della dea della luna. Mentre Adularia è il nome di una varietà di Pietra di Luna trovata nelle Alpi europee, da cui prende anche nome il fenomeno di iridescenza caratteristico della Pietra di Luna chiamato adularescenza. Nella lingua hindi la Pietra di Luna è chiamata chandrakant, ossia “prediletto dalla luna” e deriva dal sanscrito “chandra” (luna) e “kanta” (prediletto).

 

CENNI STORICI:

Come indica il nome, la pietra di luna è tradizionalmente associata alla luna e alle energie femminili della Grande Madre, lo spirito femminile dell’Universo. I popoli antichi attribuivano svariate virtù a questa gemma, tra le quali quella di favorire i naviganti e salvare dalle tempeste. In varie parti del mondo è considerata una pietra portafortuna e in India viene considerata sacra: infatti è indossata solo su stoffe tinte di giallo, che è il colore sacro.

In Oriente amuleti di pietra di luna erano spesso appesi ad alberi da frutto per assicurare colture feconde e abbondanti e nel medio evo, dagli alchimisti, si riteneva che se tenuta in bocca, la pietra di luna poteva contribuire nel prendere decisioni appropriate.

 

BENEFICI FISICI:

La pietra di luna ha un’azione lenitiva sui problemi dell’apparato genitale femminile.  Accompagna con dolcezza la donna in gravidanza e favorisce il concepimento. Allevia i dolori del ciclo mestruale e quelli che spesso accompagnano l’ovulazione. Porta equilibrio a livello ormonale ed è utile contro la ritenzione dei liquidi. Può essere utilizzata per favorire l’eliminazione delle tossine dal corpo. Stimola la circolazione linfatica, armonizza il ciclo e attenua i dolori mestruali . È consigliata anche per i problemi della menopausa. La pietra di luna favorisce il sonno  e ha un effetto positivo sui disturbi a esso relativi come l’insonnia. Protegge lo stomaco contrastando la tendenza all’iperacidità.

Si dice che la pietra di luna aiuti a ritrovare il sonno perduto. Protegge durante i viaggi, specialmente quelli che prevedono l’attraversamento delle acque o sono effettuati durante la notte.

 

BENEFICI SULLA PSICHE:

La pietra di luna ha un’energia femminile e porta pace emozionale, serenità e armonia. Aumenta l’intuizione, la dolcezza e la compassione. Favorisce i sentimenti e la fertilità. La pietra di luna permette all’individuo di entrare in contatto con il proprio inconscio e di accettare più facilmente i propri aspetti irrazionali. Stimola l’ottimismo e fa emergere la creatività .

La sua luce riflessa rischiara i nostri pensieri, donandoci buoni consigli. Non solo, ha un forte potere equilibrante e calmante. Indossandola costantemente, aiuta a rendere più forte la personalità, a esprimersi con sicurezza invece che reprimere pensieri ed emozioni.

Viene utilizzata da chi soffre di fame nervosa per separare il cibo dalla carenza emotiva.

La donna che indossa la PIETRA DI LUNA, stimola il suo lato intuitivo e chiaroveggente.

La pietra di luna è ideale per chi si trova spesso vittima delle proprie maree interiori. Si addice bene a chi ha un temperamento instabile e passa con facilità dal riso al pianto. Gli stati d’animo oscillano offrendo un ritmo molto particolare alla vita, ma non per questo meno vero.

 

BENEFICI SULLO SPIRITO:

A livello spirituale la pietra di luna aiuta ad armonizzarsi con i cicli della vita e della natura, mettendo da parte quei ritmi frenetici ai quali tanto ci siamo abituati a ubbidire. Chi desidera fare un viaggio interiore non dovrebbe certo rinunciare alla pietra di luna in meditazione, aiuterà anche a recuperare alcuni aspetti perduti della propria personalità.

E’ una pietra che riesce a donare coraggio, calma e tranquillità Apre il cuore al sentimento, soprattutto quando è stato chiuso dalle troppe delusioni. Utilizzandola, si otterranno sogni profetici.

In generale:

  • Aiuta le capacità di chiaroveggenza;
  • Stimola l’intuizione;
  • Aiuta a trovare l’ispirazione;
  • Porta fortuna in amore e sul lavoro;
  • Protegge sia in mare che sulla terraferma;

Nel feng shui, la pietra di luna è utilizzata per le sue proprietà calmanti, per la sua energia yin e per il fatto che richiama l’elemento dell’acqua. Una casa o un ufficio con troppa energia yang può trovare beneficio dalla compensazione che la pietra saprà generare.

 

LEGGENDE LEGATE ALLA PIETRA DI LUNA:

Molte sono le tradizioni e leggende che hanno come protagonista questa meravigliosa gemma, a partire dall’antica India, dove si credeva che la dea indiana a quattro braccia avesse una Pietra di Luna sulla fronte, come rappresentazione della luna stessa. Per superstizione e per i suoi particolari colori si supponeva che chi possedesse la Pietra di Luna potesse cogliere il benefico influsso divino. Secondo una leggenda indiana la pietra compare sulle rive del mare solo cinque volte all’anno e solo nelle notti di luna nuova. La fortunata fanciulla che ne raccoglierà una riuscirà a sposare un re.
Anche in Occidente la Pietra di Luna è stata da sempre molto amata e ricercata: gli antichi credevano che fosse composta di piccoli elementi della luna stessa e che la sua luce interna fosse la luce di una divinità positiva, presente nella gemma. Nell’antica Roma si pensava che secondo le diverse fasi lunari la Pietra di Luna cambiasse il suo aspetto e che si potesse rinvenire l’immagine della divina Diana. Una leggenda medievale afferma che chi si fosse addormentato dopo aver visto la Pietra di Luna avrebbe goduto di facoltà divinatorie.

Da sempre gemma femminile e “da dea”, non stupisce pensare come, nella mitologia, la divinazione era tradizionalmente ritenuta un’arte femminile, al punto che durante l’antichità si usava meditare con una Pietra di Luna sotto la lingua per vedere il futuro.