Ciacci

Eventi Passati

0 comments

DIAMANTE : Pietra del segno del LEONE

DIAMANTE

Dal greco adamas, “invincibile”

 

PIETRA: DIAMANTE

SEGNO ZODIACALE :LEONE

 

Significato

Il nome deriva dal greco adamas, “invincibile”. Secondo la tradizione, il diamante è associato all’immagine di Venere, era simbolo di virtù e onestà ed era ritenuto in grado di liberare la persona dagli influssi demoniaci.

Da secoli in India è considerato la pietra della meditazione, mentre si riteneva che montato su un anello d’argento o di platino desse la vittoria a chiunque lo indossasse in battaglia.

Nel Medioevo era un simbolo di forza, coraggio e invulnerabilità: si credeva che avvertisse dei pericoli chiunque lo portasse e che ne purificasse il carattere.

 

Benefici sul corpo

Il diamante purifica e rigenerastimola le difese immunitarie ed è indicato nella cura di tutti i disturbi degli organi in qualche modo associati alle attività psichiche, come il cervello, il sistema nervoso, l’apparato sensoriale e le ghiandole ormonali.

Mentre il quarzo trasmette e amplifica la forma pensiero, il diamante la chiarifica in quanto attira ed estrae le tossine dal corpo. Fortifica la mente. Nella misura in cui la mente impara a controllare se stessa, impara anche a controllare il corpo.

 

Benefici sulla psiche e sullo spirito:

Contribuisce a sviluppare una chiara comprensione della propria situazione esistenziale. Ci aiuta ad affrontare le prove della vita e a migliorare il nostro carattere. Promuove la fiducia, incoraggia la libertà di pensiero e ci spinge a rispettare noi stessi.

Aiuta a superare la depressione e la paura. Ci induce ad analizzare le conseguenze delle nostre azioni; promuove l’analisi, rafforza la capacità di risolvere i problemi e di prendere delle decisioni.

Stimola la capacità di apprendimento e facilita il processo di integrazione dei nuovi concetti ed esperienze nella mente razionale. Favorisce l’innocenza, la fedeltà, l’amore, la compassione, l’intuizione, l’abbondanza e la sensibilità. Ideale per la meditazione.

 

Leggende legate al Diamante

I Diamanti sono i protagonisti di tradizioni mitiche ed esoteriche: i filosofi dell’antica Grecia credevano che i Diamanti fossero abitati da spiriti ultraterreni; gli antichi Romani li consideravano lacrime degli dei o schegge di stelle cadute sulla Terra, mentre per gli induisti un Diamante si generava dallo scontro di un fulmine sulla roccia. Secondo la tradizione ebraica, un Diamante, posto davanti a una persona colpevole, si sarebbe oscurato, mentre posto davanti a un innocente avrebbe acquistato lucentezza. Per tutto il Medioevo e fino al Rinascimento, ai Diamanti venne attribuita tutta una varietà di poteri esoterici contro le avversità della vita, tra cui infondere ardimento, coraggio, invincibilità, forza e virtù, come pure di scacciare gli incubi, allontanare gli spiriti maligni, placare le bestie feroci e persino di proteggere la casa dai fulmini. Nel medioevo si riteneva che esso avvertisse chi lo portava dai pericoli che incombevano su di lui e che ne purificasse il carattere. Guai a colui che lo avesse rubato o che se ne fosse impossessato in modo illecito, inquanto sarebbe stato perseguitato dalla sventura.

Nonostante un antico decreto (1214 – 1270) di Luigi IX di Francia che aveva riservato ai reali l’uso esclusivo dei Diamanti, con il XV secolo queste gemme hanno intrapreso un lento cammino dalla monarchia verso le masse.