Ciacci

Eventi Passati

0 comments

OPALE : Pietra del segno della BILANCIA

OPALE

“IL FUOCO DEL RUBINO, LA PORPORA DELL’AMETISTA, IL VERDE DELLO SMERALDO…
TUTTI SCINTILLANTI IN UN’INCREDIBILE COMBINAZIONE DI LUCE “

Plinio

 

 

Pietra: Opale
Segno: Bilancia

All’opale vengono attribuiti molteplici significati e proprietà. Data l’unione di tutti gli elementi, il cristallo è innanzitutto simbolo dell’intelletto e della memoria: si ritiene possa infatti riequilibrare gli stati emotivi, stimolare il pensiero creativo, ripristinare razionalità nei momenti di smarrimento e incentivare l’autostima. È inoltre consigliato nei periodi di grande sforzo mentale, ad esempio durante gli studi o in vista di importanti progetti lavorativi. Infine, è indicato come un veicolo per incentivare saggezza e consapevolezza, ma anche per rinsaldare i rapporti personali e amicali, incrementando la socialità.

SIGNIFICATO:

Il nome opale ha una radice comune nel sanscrito upala, nel greco opallios e nel latino opalus con significato di “pietra preziosa”, infatti è il simbolo per antonomasia delle pietre preziose.
Sin dai tempi antichi, ha attirato le curiosità dell’uomo: non solo per le forme irregolari allo stato grezzo, i colori brillanti e i singolari giochi di luce, ma anche perché è il concentrato di tutti gli elementi. Rappresenta infatti l’energia del fuoco, la fecondità della terra, l’amore dell’acqua e la socialità dell’aria. Nell’antica Roma, l’opale rappresentava la speranza e la purezza d’animo, inoltre venivano collegati alla gemma dei poteri protettivi contro le malattie, in particolare sulle aree del corpo su cui il minerale veniva adagiato. Nell’antica Grecia, l’opale era la pietra della preveggenza e della comunicazione con gli dei, mentre in Medio Oriente si pensava potesse trattarsi di un dono divino, data la sua incredibile luminosità. In tempi più recenti, soprattutto tra il 1.500 e il 1.600, l’opale divenne la gemma di preferenza per la creazione di gioielli e monili preziosi, nonché una sorta di status symbol per la nobiltà.

EFFETTI SUL CORPO: 

L’opale ha un effetto benefico generale sulla salute, soprattutto sulle articolazioni. Attiva le funzioni vitali e aiuta il cuore a battere regolarmente e con serenità (soprattutto l’opale rosa). Allevia i disturbi all’apparato digerente e riequilibra il sistema nervoso(soprattutto l’opale nobile).
L’opale di fuoco stimola l’energia vitale ed è perciò utile per le persone deboli e apatiche. A livello fisico l’opale è prezioso per la salute degli occhi. Rafforza la vista e viene associata a tutti i disturbi degli occhi. Viene usata anche per la salute di unghie, capelli e pelle. Bilancia i liquidi nel corpo ed è quindi molto valida contro la ritenzione idrica. Si dice che possa purificare reni e sangue, regolando anche la produzione d’insulina. Stimola la memoria ed equilibra gli ormoni femminili.

EFFETTI SULLA PSICHE:

L’opale ispira gioia di vivere e stimola il desiderio di cambiamento, perciò è particolarmente indicata se si devono prendere decisioni importanti. L’opale stimola l’intuizione e la comunicazione e dona chiarezza interiore (soprattutto l’opale nobile). Ma non è una pietra con un’energia facile da gestire: in quanto strettamente connessa con il pianeta Nettuno e consacrata alla verità e all’altruismo.
L’opale rende allegri, spensierati e spontanei. Aiuta a trasformare i sentimenti negativi quali l’invidia, l’avidità e la paura e a rompere la rigidità degli schemi mentali. Specialmente l’opale di fuoco è utile per la depressione e per rafforzare la volontà. Mentre, l’opale rosa agisce invece in sintonia con i sentimenti di una vita tranquilla: amore, armonia, serenità, dolcezza, pace, libertà. Rafforza le emozioni, porta in superficie i sentimenti così da poter analizzarli. Amplifica il processo di pulizia delle ferite passate, cancellando i vecchi risentimenti. Usatela se desiderate essere più positivi e spontanei con gli altri.

LEGGENDE LEGATE ALL’OPALE

Numerose citazioni dimostrano che questa pietra è stata apprezzata dalle diverse culture nel corso dei secoli. Lo studioso romano Plinio descrive l’opale come avente “il fuoco del granato, il porpora brillante dell’ametista e il colore verde mare dello smeraldo, tutti scintillanti insieme in un’incredibile unione”. I Romani lo adoravano come il simbolo della speranza e della purezza. A quel tempo si pensava che chi lo indossava fosse protetto dalle malattie.

Nell’antica Grecia si credeva che gli opali avessero il potere di conferire la preveggenza a chi li indossava. Secondo la mitologia greca, fu creato da Zeus felice per la sconfitta dei Titani, mentre secondo quella indiana rappresenta la Dea dell’Arcobaleno trasformata in pietra mentre tentava di sfuggire ad alcuni dei che la importunavano.

I popoli orientali avevano una grande stima di questa gemma considerata sacra perché racchiudeva lo spirito della verità. Gli Arabi credevano che l’opale cadesse dal cielo in lampi di luce e che in questo modo acquistasse i suoi splendidi colori.
Il termine opale è associato alla parola sanscrita “upala”, che significa pietra preziosa, questo mette in evidenza l’importanza e la sacralità che la gemma assunse in India e in alcuni paesi arabi. Queste popolazioni ritenevano che l’opale fosse la pietra della creazione e che fosse piovuta dal cielo nel momento in cui il mondo era stato forgiato, donando a chiunque la toccasse l’abilità di volare.
Allo stesso modo, il potere divinatorio e generatore dell’opale è stato sostenuto anche da alcune tribù aborigene australiane. Secondo loro, quando il Dio Creatore arrivò sulla terra, il contatto del suo piede sul terreno fece brillare le pietre di tutti i colori dell’arcobaleno, provocando così la nascita degli opali. Ritengono inoltre che sia un gigantesco opale a governare le stelle, l’oro e l’amore che alberga nel cuore delle persone. Una differente versione del mito del re Mida, in cui l’opale, a detta delle tribù antiche, ha ben più valore e sacralità dell’oro stesso.
Tuttavia, la positività e il potere benefico di questa gemma hanno assunto sfumature distinte e contraddittorie in periodi ed aree diverse. Dopo l’epoca romana, la reputazione dell’opale si è gradualmente modificata e il suo potere, un tempo mistico e favorevole, si è tinto di sfumature oscure ed enigmatiche. In quanto simbolo di magia occulta, è stato associato a passioni segrete e emozioni tormentate e si temeva potesse attrarre conflitti e creature maligne. Queste superstizioni vennero fomentate da leggende e storie misteriose. Si ritiene infatti che lo stesso Napoleone avesse donato alla consorte Josephine un bellissimo opale denominato “Fuoco di Troia”, ma secondo la leggenda la gemma scomparve misteriosamente nel momento in cui Bonaparte fu mandato in esilio. Non si fece mai riferimento alla possibilità di un furto, ma si vociferò invece che l’opale si fosse dissolto nell’aria, come per magia, annunciando la disgrazia che avrebbe colpito il condottiero francese; per quanto l’opale fosse di grande bellezza, potremmo immaginare che Josephine fu ben più contenta quando il marito le donò uno specchio.

0 comments

ZAFFIRO : Pietra del segno della VERGINE

ZAFFIRO

“ SE IL GIOVANE FOSSE UNO ZAFFIRO LA VITA SAREBBE DOLCE, perché GLI EVENTI GLI RIMBALZEREBBERO CONTRO, LO EVITEREBBERO ED EGLI RIMARREBBE INTEGRO E FORTE”

PIETRA : ZAFFIRO
SEGNO: VERGINE

Lo zaffiro, in tutte le sue sfumature celesti, è una pietra di saggezza, regalità, profezia e favore divino è capace di calmare gli impulsi e gli scatti d’ira. Usato spesso come talismano, il cristallo è stato sempre scelto per preservare la purezza, per scoprire frodi e tradimenti, per proteggere chi lo indossa. Ed è tuttora una pietra nobile di apprendimento, acutezza mentale, attivazione psichica e ricerca spirituale. Il suo colore blu porta ordine e guarigione per la mente, donando forza e attenzione, oltre che la capacità di vedere oltre le apparenze superficiali, utilizzando una conoscenza più approfondita

SIGNIFICATO

Il nome Zaffiro deriva dal latino “sappheiros”, che significa blu. Alcuni lo fanno derivare dall’ebraico “sappir” (pietra preziosa) o dal sanscrito “sanipriya”. Usato per descrivere una pietra preziosa scura, “sanipriya” significa “sacra a Saturno” e questa etimologia sarebbe accreditata dal fatto che, nelle credenze astrologiche indiane, lo Zaffiro è considerato la gemma di Saturno. In passato, “sappheiros” faceva di solito riferimento al Lapislazzulo piuttosto che al Corindone Blu, mentre nell’antica Grecia il moderno Zaffiro veniva probabilmente designato come “hyakinthos”.

BENEFICI A LIVELLO FISICO:

Lo zaffiro ha un’azione disintossicante e raffreddante, allevia i dolori e la febbre. Inoltre si rivela utile per i problemi che riguardano l’intestino, il cervello e il sistema nervoso.La sua forza magnetica aiuta a conservare a lungo la buona vista.Previene i reumatismi e la sciatica, attenua il nervosismo. La medicina ayurvedica lo applica al quinto chakra che corrisponde alla creatività.

BENEFICI SULLA PSICHE:

Lo zaffiro contrasta la tendenza alla dispersività, spingendo il soggetto a concentrarsi senza lasciarsi distrarre. Consente di analizzare con obiettività e razionalità la propria vita, di fare chiarezza e di focalizzare i cambiamenti necessari. Lo zaffiro blu è utilissimo per crescere dal punto di vista spirituale e per aumentare l’autodisciplina, soprattutto nelle attività quotidiane che richiedono attenzione. Inoltre, dona molto supporto professionale, stimola l’ingegno e la saggezza e aumenta il buon senso nello svolgere la propria professione

Lo zaffiro simbolizza la comprensione reciproca, la lealtà e la fedeltà. Facilita la comunicazione, migliora la memoria e intensifica il desiderio di conoscenza.

Lo zaffiro è eccezionale per calmare la mente, favorendo il rilascio di tensione dovuto a pensieri indesiderati. Incoraggia l’intuizione, portando leggerezza, gioia ed equilibrio.
Lo zaffiro dona serenità e fiducia. Aiuta in caso di depressione, mitiga l’ansia e rafforza la determinazione e la forza di volontà, permettendo all’individuo di dedicarsi alla realizzazione dei suoi desideri.

CENNI STORICI

Come tutte le gemme famose, lo Zaffiro Blu compare in racconti religiosi e mitologici dell’antichità. Per il suo colore, lo Zaffiro fu collegato al concetto d’infinità dell’universo. L’antico popolo dei Persiani amava definire lo Zaffiro “lazvard”, letteralmente “che ha il colore del cielo sereno” essi ritenevano infatti che la terra fosse appoggiata su un enorme Zaffiro, il cui riflesso blu dava il colore al cielo, tanto da far chiamare la pietra anche “l’occhio del cielo”.
Una antica fiaba persiana ci racconta che i figli del re di Serendip (Sri Lanka) furono mandati in viaggio per sperimentare la realtà del mondo. Per caso i tre giovani Principi scoprirono cose meravigliose, tra queste una miniera di zaffiri. Da questa leggenda nasce l’origine del concetto inglese di “Serendipity” ossia la fortuna strepitosa nel trovare inaspettatamente cose di valore mentre si sta volgendo l’attenzione a tutt’altro.
Mentre I Persiani credevano che fossero i riflessi dello Zaffiro a conferire al cielo i suoi colori, questa gemma guadagna diverse citazioni anche nelle Sacre Scritture. In Esodo (24:10), il trono di Dio è lastricato di Zaffiri Blu di purezza celestiale. Lo Zaffiro Blu è anche una delle dodici “pietre di fuoco” (Ezechiele 28:13-16) incastonate nel pettorale del giudizio (Esodo 28:15-30). Come una delle dodici gemme poste nelle fondamenta delle mura della città di Gerusalemme (Rivelazioni 21:19), lo Zaffiro è anche collegato all’Apostolo San Paolo. Secondo la mitologia greca la gemma di nascita del mese di settembre fu portata per la prima volta da Prometeo. Si racconta infatti che nella stessa occasione in cui “prese in prestito” il fuoco, s´impossessò anche di uno Zaffiro Blu.