Ciacci

Eventi Passati

0 comments

TOPAZIO : Pietra del segno della SCORPIONE

TOPAZIO

il Topazio è in grado di attivare la nostra consapevolezza cosmica

 

 

Pietra: TOPAZIO
Segno: SCORPIONE

Il Topazio è un cristallo legato alla verità e alla capacità di perdonare. È simbolo di castità, felicità, amicizia vera e speranza. Aiuta chi lo indossa a trovare il proprio scopo nella vita, a essere più consapevole dei propri pensieri, sentimenti e azioni e, non ultimo, dei loro effetti karmici. In questo modo, il Topazio è in grado di attivare la nostra consapevolezza cosmica. Rimuovendo le energie stagnanti, dirige la forza del corpo in quei luoghi in cui più è necessario e aiuta a rilasciare la tensione, promuovendo sentimenti di gioia e di felicità. Le capacità di guarigione del minerale sono correlate al rinnovamento fisico e spirituale.

SIGNIFICATO:

Secondo Plinio, il nome deriva da Topazos, un’isola del Mar Rosso, in riferimento ai giacimenti di pietre preziose (soprattutto olivina e crisoberillo) che allora venivano confuse con il Topazio vero e proprio. Secondo altre fonti avrebbe invece origine dalla parola sanscrita tapas che significa “fuoco”. Presso le antiche culture, il Topazio era considerato la pietra di Giove e quindi era simbolo di dominio sulla vita, di autorealizzazione e di saggezza.
Possiede un’energia vivificante, infonde sicurezza, stimola la concentrazione: aiuta ad andare alla radice dei problemi, permettendo di portare alla luce ciò che sta alla base e scoprire, così, la propria profonda ricchezza interiore.

EFFETTI SUL CORPO: 

A livello fisico sembra che favorisca la risoluzione di problemi come la trombosi, l’asma e quelli endocrini. Rafforza in generale tutto l’organismo ed ha un forte legame con il sistema nervoso: lo protegge e lo stimola al tempo stesso. In cristalloterapia vengono attribuiti a questa pietra effetti disintossicanti sul fegato e le vie respiratorie e la capacità di migliorare il metabolismo. Sembra che riesca a mantenere attivo il sistema immunitario. Dona vigore all’intero organismo ed è utile per prevenire il raffreddore. Favorisce la rigenerazione dei tessuti.

EFFETTI SULLA PSICHE:

Il Topazio dona vitalità e buonumore, dissolve i pensieri negativi, rafforza la capacità di realizzarsi. Aiuta a mantenere un punto di vista pratico nell’affrontare la vita, puntando alle soluzioni più efficaci per qualsiasi problema o situazione, senza perdere tempo. Permette all’individuo di scoprire la sua profondità e la sua ricchezza, promuove la sincerità con gli altri e con se stessi e spinge a comunicare le emozioni. Riduce l’emotività e la tendenza alla rabbia, sciogliendo le tensioni ed eliminando le paure.

Il Topazio rende il soggetto consapevole della propria autorevolezza e insegna ad affermarla. Poiché è connesso al sole e al plesso solare, come l’ambra e il quarzo citrino, è utile in caso di depressione, insonnia e stress. Secondo la medicina Ayurvedica questa pietra andrà applicata al terzo Chakra. Il terzo chakra rappresenta il nostro “guerriero” interiore, quella parte di noi che lotta e vince, quindi questa pietra è un prezioso scudo di fermezza e di costanza quando si ha la sensazione che le cose non vadano per il verso giusto a causa di contrattempi e difficoltà, malgrado la nostra buona volontà.
Il cristallo può essere indicato anche nella meditazione quotidiana: può aprire le porte verso l’energia universale e donare coraggio, volontà e forza di apportare le modifiche necessarie alla propria esistenza.

IL TOPAZIO IMPERIALE:

Il Topazio conosciuto come “imperiale” è quello giallo dorato. Tenetelo vicino al cuore e vi donerà intelligenza e lunga vita. Secondo gli Egizi proteggeva dalle negatività ed era collegato al dio Ra. Gli antichi Greci lo utilizzavano per assicurarsi forza e protezione. Il Topazio imperiale dona creatività, libera da sfiducia e tensione. E’ utile se soffrite di depressione e attacchi di panico, semplicemente perché promuove l’atteggiamento ottimista.

LEGGENDE LEGATE AL TOPAZIO

Nello Speculum Lapidum (XVI secolo), Camillo Leonardi attribuisce alla pietra Topazio la capacità di frenare lussuria, passioni -che esaltano nuovamente la virtù della castità che il cristallo in questione conferisce-, ira e frenesia. Attribuiva al Topazio il potere di elevare i sani principi, esso accresce le ricchezze e che “rende chi lo porta grazioso ai principi

Altre leggende parlano del Topazio come un simbolo di saggezza e coraggio, un amuleto contro i malefici che sembra conoscessero anche i sacerdoti ebraici. Nell’Esodo si parla appunto di come i pettorali di quest’ultimi erano adornati da dodici pietre, tra cui figurava anche il Topazio. Tali pietre simboleggiavano i 12 angeli che proteggevano la porta dei Cieli.
In Messico, lo si usava per stabilire la verità in caso di dispute e controversie. In oriente anticamente si appendeva il Topazio alla porta di casa come talismano contro la malasorte. Secondo tradizioni medioevali, un Topazio in un bracciale portato al braccio sinistro protegge dal malocchio e dalla follia.

0 comments

OPALE : Pietra del segno della BILANCIA

OPALE

“IL FUOCO DEL RUBINO, LA PORPORA DELL’AMETISTA, IL VERDE DELLO SMERALDO…
TUTTI SCINTILLANTI IN UN’INCREDIBILE COMBINAZIONE DI LUCE “

Plinio

 

 

Pietra: Opale
Segno: Bilancia

All’opale vengono attribuiti molteplici significati e proprietà. Data l’unione di tutti gli elementi, il cristallo è innanzitutto simbolo dell’intelletto e della memoria: si ritiene possa infatti riequilibrare gli stati emotivi, stimolare il pensiero creativo, ripristinare razionalità nei momenti di smarrimento e incentivare l’autostima. È inoltre consigliato nei periodi di grande sforzo mentale, ad esempio durante gli studi o in vista di importanti progetti lavorativi. Infine, è indicato come un veicolo per incentivare saggezza e consapevolezza, ma anche per rinsaldare i rapporti personali e amicali, incrementando la socialità.

SIGNIFICATO:

Il nome opale ha una radice comune nel sanscrito upala, nel greco opallios e nel latino opalus con significato di “pietra preziosa”, infatti è il simbolo per antonomasia delle pietre preziose.
Sin dai tempi antichi, ha attirato le curiosità dell’uomo: non solo per le forme irregolari allo stato grezzo, i colori brillanti e i singolari giochi di luce, ma anche perché è il concentrato di tutti gli elementi. Rappresenta infatti l’energia del fuoco, la fecondità della terra, l’amore dell’acqua e la socialità dell’aria. Nell’antica Roma, l’opale rappresentava la speranza e la purezza d’animo, inoltre venivano collegati alla gemma dei poteri protettivi contro le malattie, in particolare sulle aree del corpo su cui il minerale veniva adagiato. Nell’antica Grecia, l’opale era la pietra della preveggenza e della comunicazione con gli dei, mentre in Medio Oriente si pensava potesse trattarsi di un dono divino, data la sua incredibile luminosità. In tempi più recenti, soprattutto tra il 1.500 e il 1.600, l’opale divenne la gemma di preferenza per la creazione di gioielli e monili preziosi, nonché una sorta di status symbol per la nobiltà.

EFFETTI SUL CORPO: 

L’opale ha un effetto benefico generale sulla salute, soprattutto sulle articolazioni. Attiva le funzioni vitali e aiuta il cuore a battere regolarmente e con serenità (soprattutto l’opale rosa). Allevia i disturbi all’apparato digerente e riequilibra il sistema nervoso(soprattutto l’opale nobile).
L’opale di fuoco stimola l’energia vitale ed è perciò utile per le persone deboli e apatiche. A livello fisico l’opale è prezioso per la salute degli occhi. Rafforza la vista e viene associata a tutti i disturbi degli occhi. Viene usata anche per la salute di unghie, capelli e pelle. Bilancia i liquidi nel corpo ed è quindi molto valida contro la ritenzione idrica. Si dice che possa purificare reni e sangue, regolando anche la produzione d’insulina. Stimola la memoria ed equilibra gli ormoni femminili.

EFFETTI SULLA PSICHE:

L’opale ispira gioia di vivere e stimola il desiderio di cambiamento, perciò è particolarmente indicata se si devono prendere decisioni importanti. L’opale stimola l’intuizione e la comunicazione e dona chiarezza interiore (soprattutto l’opale nobile). Ma non è una pietra con un’energia facile da gestire: in quanto strettamente connessa con il pianeta Nettuno e consacrata alla verità e all’altruismo.
L’opale rende allegri, spensierati e spontanei. Aiuta a trasformare i sentimenti negativi quali l’invidia, l’avidità e la paura e a rompere la rigidità degli schemi mentali. Specialmente l’opale di fuoco è utile per la depressione e per rafforzare la volontà. Mentre, l’opale rosa agisce invece in sintonia con i sentimenti di una vita tranquilla: amore, armonia, serenità, dolcezza, pace, libertà. Rafforza le emozioni, porta in superficie i sentimenti così da poter analizzarli. Amplifica il processo di pulizia delle ferite passate, cancellando i vecchi risentimenti. Usatela se desiderate essere più positivi e spontanei con gli altri.

LEGGENDE LEGATE ALL’OPALE

Numerose citazioni dimostrano che questa pietra è stata apprezzata dalle diverse culture nel corso dei secoli. Lo studioso romano Plinio descrive l’opale come avente “il fuoco del granato, il porpora brillante dell’ametista e il colore verde mare dello smeraldo, tutti scintillanti insieme in un’incredibile unione”. I Romani lo adoravano come il simbolo della speranza e della purezza. A quel tempo si pensava che chi lo indossava fosse protetto dalle malattie.

Nell’antica Grecia si credeva che gli opali avessero il potere di conferire la preveggenza a chi li indossava. Secondo la mitologia greca, fu creato da Zeus felice per la sconfitta dei Titani, mentre secondo quella indiana rappresenta la Dea dell’Arcobaleno trasformata in pietra mentre tentava di sfuggire ad alcuni dei che la importunavano.

I popoli orientali avevano una grande stima di questa gemma considerata sacra perché racchiudeva lo spirito della verità. Gli Arabi credevano che l’opale cadesse dal cielo in lampi di luce e che in questo modo acquistasse i suoi splendidi colori.
Il termine opale è associato alla parola sanscrita “upala”, che significa pietra preziosa, questo mette in evidenza l’importanza e la sacralità che la gemma assunse in India e in alcuni paesi arabi. Queste popolazioni ritenevano che l’opale fosse la pietra della creazione e che fosse piovuta dal cielo nel momento in cui il mondo era stato forgiato, donando a chiunque la toccasse l’abilità di volare.
Allo stesso modo, il potere divinatorio e generatore dell’opale è stato sostenuto anche da alcune tribù aborigene australiane. Secondo loro, quando il Dio Creatore arrivò sulla terra, il contatto del suo piede sul terreno fece brillare le pietre di tutti i colori dell’arcobaleno, provocando così la nascita degli opali. Ritengono inoltre che sia un gigantesco opale a governare le stelle, l’oro e l’amore che alberga nel cuore delle persone. Una differente versione del mito del re Mida, in cui l’opale, a detta delle tribù antiche, ha ben più valore e sacralità dell’oro stesso.
Tuttavia, la positività e il potere benefico di questa gemma hanno assunto sfumature distinte e contraddittorie in periodi ed aree diverse. Dopo l’epoca romana, la reputazione dell’opale si è gradualmente modificata e il suo potere, un tempo mistico e favorevole, si è tinto di sfumature oscure ed enigmatiche. In quanto simbolo di magia occulta, è stato associato a passioni segrete e emozioni tormentate e si temeva potesse attrarre conflitti e creature maligne. Queste superstizioni vennero fomentate da leggende e storie misteriose. Si ritiene infatti che lo stesso Napoleone avesse donato alla consorte Josephine un bellissimo opale denominato “Fuoco di Troia”, ma secondo la leggenda la gemma scomparve misteriosamente nel momento in cui Bonaparte fu mandato in esilio. Non si fece mai riferimento alla possibilità di un furto, ma si vociferò invece che l’opale si fosse dissolto nell’aria, come per magia, annunciando la disgrazia che avrebbe colpito il condottiero francese; per quanto l’opale fosse di grande bellezza, potremmo immaginare che Josephine fu ben più contenta quando il marito le donò uno specchio.

0 comments

ZAFFIRO : Pietra del segno della VERGINE

ZAFFIRO

“ SE IL GIOVANE FOSSE UNO ZAFFIRO LA VITA SAREBBE DOLCE, perché GLI EVENTI GLI RIMBALZEREBBERO CONTRO, LO EVITEREBBERO ED EGLI RIMARREBBE INTEGRO E FORTE”

PIETRA : ZAFFIRO
SEGNO: VERGINE

Lo zaffiro, in tutte le sue sfumature celesti, è una pietra di saggezza, regalità, profezia e favore divino è capace di calmare gli impulsi e gli scatti d’ira. Usato spesso come talismano, il cristallo è stato sempre scelto per preservare la purezza, per scoprire frodi e tradimenti, per proteggere chi lo indossa. Ed è tuttora una pietra nobile di apprendimento, acutezza mentale, attivazione psichica e ricerca spirituale. Il suo colore blu porta ordine e guarigione per la mente, donando forza e attenzione, oltre che la capacità di vedere oltre le apparenze superficiali, utilizzando una conoscenza più approfondita

SIGNIFICATO

Il nome Zaffiro deriva dal latino “sappheiros”, che significa blu. Alcuni lo fanno derivare dall’ebraico “sappir” (pietra preziosa) o dal sanscrito “sanipriya”. Usato per descrivere una pietra preziosa scura, “sanipriya” significa “sacra a Saturno” e questa etimologia sarebbe accreditata dal fatto che, nelle credenze astrologiche indiane, lo Zaffiro è considerato la gemma di Saturno. In passato, “sappheiros” faceva di solito riferimento al Lapislazzulo piuttosto che al Corindone Blu, mentre nell’antica Grecia il moderno Zaffiro veniva probabilmente designato come “hyakinthos”.

BENEFICI A LIVELLO FISICO:

Lo zaffiro ha un’azione disintossicante e raffreddante, allevia i dolori e la febbre. Inoltre si rivela utile per i problemi che riguardano l’intestino, il cervello e il sistema nervoso.La sua forza magnetica aiuta a conservare a lungo la buona vista.Previene i reumatismi e la sciatica, attenua il nervosismo. La medicina ayurvedica lo applica al quinto chakra che corrisponde alla creatività.

BENEFICI SULLA PSICHE:

Lo zaffiro contrasta la tendenza alla dispersività, spingendo il soggetto a concentrarsi senza lasciarsi distrarre. Consente di analizzare con obiettività e razionalità la propria vita, di fare chiarezza e di focalizzare i cambiamenti necessari. Lo zaffiro blu è utilissimo per crescere dal punto di vista spirituale e per aumentare l’autodisciplina, soprattutto nelle attività quotidiane che richiedono attenzione. Inoltre, dona molto supporto professionale, stimola l’ingegno e la saggezza e aumenta il buon senso nello svolgere la propria professione

Lo zaffiro simbolizza la comprensione reciproca, la lealtà e la fedeltà. Facilita la comunicazione, migliora la memoria e intensifica il desiderio di conoscenza.

Lo zaffiro è eccezionale per calmare la mente, favorendo il rilascio di tensione dovuto a pensieri indesiderati. Incoraggia l’intuizione, portando leggerezza, gioia ed equilibrio.
Lo zaffiro dona serenità e fiducia. Aiuta in caso di depressione, mitiga l’ansia e rafforza la determinazione e la forza di volontà, permettendo all’individuo di dedicarsi alla realizzazione dei suoi desideri.

CENNI STORICI

Come tutte le gemme famose, lo Zaffiro Blu compare in racconti religiosi e mitologici dell’antichità. Per il suo colore, lo Zaffiro fu collegato al concetto d’infinità dell’universo. L’antico popolo dei Persiani amava definire lo Zaffiro “lazvard”, letteralmente “che ha il colore del cielo sereno” essi ritenevano infatti che la terra fosse appoggiata su un enorme Zaffiro, il cui riflesso blu dava il colore al cielo, tanto da far chiamare la pietra anche “l’occhio del cielo”.
Una antica fiaba persiana ci racconta che i figli del re di Serendip (Sri Lanka) furono mandati in viaggio per sperimentare la realtà del mondo. Per caso i tre giovani Principi scoprirono cose meravigliose, tra queste una miniera di zaffiri. Da questa leggenda nasce l’origine del concetto inglese di “Serendipity” ossia la fortuna strepitosa nel trovare inaspettatamente cose di valore mentre si sta volgendo l’attenzione a tutt’altro.
Mentre I Persiani credevano che fossero i riflessi dello Zaffiro a conferire al cielo i suoi colori, questa gemma guadagna diverse citazioni anche nelle Sacre Scritture. In Esodo (24:10), il trono di Dio è lastricato di Zaffiri Blu di purezza celestiale. Lo Zaffiro Blu è anche una delle dodici “pietre di fuoco” (Ezechiele 28:13-16) incastonate nel pettorale del giudizio (Esodo 28:15-30). Come una delle dodici gemme poste nelle fondamenta delle mura della città di Gerusalemme (Rivelazioni 21:19), lo Zaffiro è anche collegato all’Apostolo San Paolo. Secondo la mitologia greca la gemma di nascita del mese di settembre fu portata per la prima volta da Prometeo. Si racconta infatti che nella stessa occasione in cui “prese in prestito” il fuoco, s´impossessò anche di uno Zaffiro Blu.

0 comments

DIAMANTE : Pietra del segno del LEONE

DIAMANTE

Dal greco adamas, “invincibile”

 

PIETRA: DIAMANTE

SEGNO ZODIACALE :LEONE

 

Significato

Il nome deriva dal greco adamas, “invincibile”. Secondo la tradizione, il diamante è associato all’immagine di Venere, era simbolo di virtù e onestà ed era ritenuto in grado di liberare la persona dagli influssi demoniaci.

Da secoli in India è considerato la pietra della meditazione, mentre si riteneva che montato su un anello d’argento o di platino desse la vittoria a chiunque lo indossasse in battaglia.

Nel Medioevo era un simbolo di forza, coraggio e invulnerabilità: si credeva che avvertisse dei pericoli chiunque lo portasse e che ne purificasse il carattere.

 

Benefici sul corpo

Il diamante purifica e rigenerastimola le difese immunitarie ed è indicato nella cura di tutti i disturbi degli organi in qualche modo associati alle attività psichiche, come il cervello, il sistema nervoso, l’apparato sensoriale e le ghiandole ormonali.

Mentre il quarzo trasmette e amplifica la forma pensiero, il diamante la chiarifica in quanto attira ed estrae le tossine dal corpo. Fortifica la mente. Nella misura in cui la mente impara a controllare se stessa, impara anche a controllare il corpo.

 

Benefici sulla psiche e sullo spirito:

Contribuisce a sviluppare una chiara comprensione della propria situazione esistenziale. Ci aiuta ad affrontare le prove della vita e a migliorare il nostro carattere. Promuove la fiducia, incoraggia la libertà di pensiero e ci spinge a rispettare noi stessi.

Aiuta a superare la depressione e la paura. Ci induce ad analizzare le conseguenze delle nostre azioni; promuove l’analisi, rafforza la capacità di risolvere i problemi e di prendere delle decisioni.

Stimola la capacità di apprendimento e facilita il processo di integrazione dei nuovi concetti ed esperienze nella mente razionale. Favorisce l’innocenza, la fedeltà, l’amore, la compassione, l’intuizione, l’abbondanza e la sensibilità. Ideale per la meditazione.

 

Leggende legate al Diamante

I Diamanti sono i protagonisti di tradizioni mitiche ed esoteriche: i filosofi dell’antica Grecia credevano che i Diamanti fossero abitati da spiriti ultraterreni; gli antichi Romani li consideravano lacrime degli dei o schegge di stelle cadute sulla Terra, mentre per gli induisti un Diamante si generava dallo scontro di un fulmine sulla roccia. Secondo la tradizione ebraica, un Diamante, posto davanti a una persona colpevole, si sarebbe oscurato, mentre posto davanti a un innocente avrebbe acquistato lucentezza. Per tutto il Medioevo e fino al Rinascimento, ai Diamanti venne attribuita tutta una varietà di poteri esoterici contro le avversità della vita, tra cui infondere ardimento, coraggio, invincibilità, forza e virtù, come pure di scacciare gli incubi, allontanare gli spiriti maligni, placare le bestie feroci e persino di proteggere la casa dai fulmini. Nel medioevo si riteneva che esso avvertisse chi lo portava dai pericoli che incombevano su di lui e che ne purificasse il carattere. Guai a colui che lo avesse rubato o che se ne fosse impossessato in modo illecito, inquanto sarebbe stato perseguitato dalla sventura.

Nonostante un antico decreto (1214 – 1270) di Luigi IX di Francia che aveva riservato ai reali l’uso esclusivo dei Diamanti, con il XV secolo queste gemme hanno intrapreso un lento cammino dalla monarchia verso le masse.


 

0 comments

DIAMANTE : Pietra del segno del LEONE

PIETRA DI LUNA

Nella lingua hindi la Pietra di Luna è chiamata chandrakant, ossia “prediletto dalla luna” e deriva dal sanscrito “chandra” (luna) e “kanta” (prediletto).

 

 

GEMMA: PIETRA DI LUNA

SEGNO ZODIACALE:  CANCRO

 

La pietra di luna è gemma di intuizione e comprensione profonda, aiuta a bilanciare il corpo emozionale accentuando la libertà di espressione, ed attenua in particolare le tendenze aggressive. Favorisce il controllo e l’equilibrio delle emozioni, aiuta a non identificarsi con uno stato emotivo al fine di raggiungere uno stato di pace e serenità, attenua il comportamento “lunatico” e protegge dai vecchi modelli emotivi e dalle tendenze autodistruttive. Essa aiuta a essere più consapevoli del fatto che tutte le cose sono parte di un ciclo di cambiamento costante. Il momento ideale e di massima risonanza per usare la pietra di luna è durante la fase di luna piena.

Utile alle persone che tendono ad andare da un eccesso all’altro e a chi è portato a cambiare facilmente atteggiamento per esempio passando da un eccessivo razionalismo a una esagerata illogicità.

 

SIGNIFICATO:

La PIETRA DI LUNA è nota anche come Selenite e Adularia e deve il proprio nome alla somiglianza con la luna; infatti il termine Selenite deriva dal greco “selene”, che significa luna e che nella mitologia greca è anche il nome della dea della luna. Mentre Adularia è il nome di una varietà di Pietra di Luna trovata nelle Alpi europee, da cui prende anche nome il fenomeno di iridescenza caratteristico della Pietra di Luna chiamato adularescenza. Nella lingua hindi la Pietra di Luna è chiamata chandrakant, ossia “prediletto dalla luna” e deriva dal sanscrito “chandra” (luna) e “kanta” (prediletto).

 

CENNI STORICI:

Come indica il nome, la pietra di luna è tradizionalmente associata alla luna e alle energie femminili della Grande Madre, lo spirito femminile dell’Universo. I popoli antichi attribuivano svariate virtù a questa gemma, tra le quali quella di favorire i naviganti e salvare dalle tempeste. In varie parti del mondo è considerata una pietra portafortuna e in India viene considerata sacra: infatti è indossata solo su stoffe tinte di giallo, che è il colore sacro.

In Oriente amuleti di pietra di luna erano spesso appesi ad alberi da frutto per assicurare colture feconde e abbondanti e nel medio evo, dagli alchimisti, si riteneva che se tenuta in bocca, la pietra di luna poteva contribuire nel prendere decisioni appropriate.

 

BENEFICI FISICI:

La pietra di luna ha un’azione lenitiva sui problemi dell’apparato genitale femminile.  Accompagna con dolcezza la donna in gravidanza e favorisce il concepimento. Allevia i dolori del ciclo mestruale e quelli che spesso accompagnano l’ovulazione. Porta equilibrio a livello ormonale ed è utile contro la ritenzione dei liquidi. Può essere utilizzata per favorire l’eliminazione delle tossine dal corpo. Stimola la circolazione linfatica, armonizza il ciclo e attenua i dolori mestruali . È consigliata anche per i problemi della menopausa. La pietra di luna favorisce il sonno  e ha un effetto positivo sui disturbi a esso relativi come l’insonnia. Protegge lo stomaco contrastando la tendenza all’iperacidità.

Si dice che la pietra di luna aiuti a ritrovare il sonno perduto. Protegge durante i viaggi, specialmente quelli che prevedono l’attraversamento delle acque o sono effettuati durante la notte.

 

BENEFICI SULLA PSICHE:

La pietra di luna ha un’energia femminile e porta pace emozionale, serenità e armonia. Aumenta l’intuizione, la dolcezza e la compassione. Favorisce i sentimenti e la fertilità. La pietra di luna permette all’individuo di entrare in contatto con il proprio inconscio e di accettare più facilmente i propri aspetti irrazionali. Stimola l’ottimismo e fa emergere la creatività .

La sua luce riflessa rischiara i nostri pensieri, donandoci buoni consigli. Non solo, ha un forte potere equilibrante e calmante. Indossandola costantemente, aiuta a rendere più forte la personalità, a esprimersi con sicurezza invece che reprimere pensieri ed emozioni.

Viene utilizzata da chi soffre di fame nervosa per separare il cibo dalla carenza emotiva.

La donna che indossa la PIETRA DI LUNA, stimola il suo lato intuitivo e chiaroveggente.

La pietra di luna è ideale per chi si trova spesso vittima delle proprie maree interiori. Si addice bene a chi ha un temperamento instabile e passa con facilità dal riso al pianto. Gli stati d’animo oscillano offrendo un ritmo molto particolare alla vita, ma non per questo meno vero.

 

BENEFICI SULLO SPIRITO:

A livello spirituale la pietra di luna aiuta ad armonizzarsi con i cicli della vita e della natura, mettendo da parte quei ritmi frenetici ai quali tanto ci siamo abituati a ubbidire. Chi desidera fare un viaggio interiore non dovrebbe certo rinunciare alla pietra di luna in meditazione, aiuterà anche a recuperare alcuni aspetti perduti della propria personalità.

E’ una pietra che riesce a donare coraggio, calma e tranquillità Apre il cuore al sentimento, soprattutto quando è stato chiuso dalle troppe delusioni. Utilizzandola, si otterranno sogni profetici.

In generale:

  • Aiuta le capacità di chiaroveggenza;
  • Stimola l’intuizione;
  • Aiuta a trovare l’ispirazione;
  • Porta fortuna in amore e sul lavoro;
  • Protegge sia in mare che sulla terraferma;

Nel feng shui, la pietra di luna è utilizzata per le sue proprietà calmanti, per la sua energia yin e per il fatto che richiama l’elemento dell’acqua. Una casa o un ufficio con troppa energia yang può trovare beneficio dalla compensazione che la pietra saprà generare.

 

LEGGENDE LEGATE ALLA PIETRA DI LUNA:

Molte sono le tradizioni e leggende che hanno come protagonista questa meravigliosa gemma, a partire dall’antica India, dove si credeva che la dea indiana a quattro braccia avesse una Pietra di Luna sulla fronte, come rappresentazione della luna stessa. Per superstizione e per i suoi particolari colori si supponeva che chi possedesse la Pietra di Luna potesse cogliere il benefico influsso divino. Secondo una leggenda indiana la pietra compare sulle rive del mare solo cinque volte all’anno e solo nelle notti di luna nuova. La fortunata fanciulla che ne raccoglierà una riuscirà a sposare un re.
Anche in Occidente la Pietra di Luna è stata da sempre molto amata e ricercata: gli antichi credevano che fosse composta di piccoli elementi della luna stessa e che la sua luce interna fosse la luce di una divinità positiva, presente nella gemma. Nell’antica Roma si pensava che secondo le diverse fasi lunari la Pietra di Luna cambiasse il suo aspetto e che si potesse rinvenire l’immagine della divina Diana. Una leggenda medievale afferma che chi si fosse addormentato dopo aver visto la Pietra di Luna avrebbe goduto di facoltà divinatorie.

Da sempre gemma femminile e “da dea”, non stupisce pensare come, nella mitologia, la divinazione era tradizionalmente ritenuta un’arte femminile, al punto che durante l’antichità si usava meditare con una Pietra di Luna sotto la lingua per vedere il futuro.

0 comments

ACQUAMARINA : Pietra del segno dei GEMELLI

ACQUAMARINA

“Uomo libero amerai sempre il mare

Charles Boudelaire

 

 

PIETRA: ACQUAMARINA
SEGNO ZODICALE: GEMELLI

SIGNIFICATO:

Il nome di questa gemma riporta alla mente il suo forte legame con il mare: Acquamarina significa “Acqua del mare” e deriva dalle parole latine “aqua” (acqua) e “marinus” (appartenente al mare).
L’acquamarina ha la proprietà di donare tranquillità, serenità e creatività. E’ una sorta di bilancia in grado di armonizzare il fisico e la mente. Favorisce la crescita interiore. Rende sinceri, perseveranti dinamici ed assicura successo, infonde la fiducia di poter portare a termine ciò che si intraprende.

CENNI STORICI:

La tradizione indiana cita un monte di origine sacra “Rahun” dalla cui cima scendevano a valle le pietre preziose portate dai venti e dai torrenti e poi raccolte dagli uomini: le acquamarine. Il sole splendente creava tutto intorno alle pietre sfavillanti riflessi detti “bagliori di Rahun” La acquamarine avevano la capacità di rafforzare la vista e donare generosità.
Nei tempi antichi l’acquamarina era considerata la pietra dei mistici, dei veggenti e dei visionari: per questo motivo i suoi effetti coinvolgono le funzioni inerenti alla “comunicazione”. Talismano degli innamorati, dono ideale nel giorno delle nozze, assicura felicità nel matrimonio. In un antico testo del tredicesimo secolo, si legge che l’acquamarina porta felicità e buona sorte, allontana la discordia, ha virtù portentose per i bambini: tanto che nel Medioevo portavano al collo piccoli frammenti di questa pietra trasparente.

BENEFICI FISICI:

L’acquamarina viene utilizzata per combattere la ritenzione dei liquidi. Calma le irritazioni delle vie respiratorie e dei polmoni, è utile contro la sinusite, la rinite, la laringite, la faringite, la tonsillite. È indicata in caso di allergia, che si annoverano tra le cause scatenanti dell’asma. Riesce ad attenuare l’eccessiva reattività del sistema immunitario. Indossandola, è possibile ottenere in più rapido recupero dalle malattie.
Equilibra a livello ormonale, soprattutto per quanto riguarda la crescita. È associata alla ghiandola del timo, l’ipofisi e la tiroide. Viene utilizzata anche per contrastare le infezioni, i problemi di denti, gengive e infiammazioni cutanee.

BENEFICI SULLA PSICHE:

Essendo una pietra legata all’acqua, vi aiuta a gestire le emozioni L’acquamarina è un bilanciatore psico-fisico emozionale. Favorisce l’introspezione, la crescita interiore e la chiarezza mentale. Elimina la confusione, dona la forza di sistemare le cose lasciate in sospeso e aiuta ad abbandonare fobie e paure. Aiuta sciogliere la timidezza, invita all’autostima e armonizza l’espressione creativa.
L’acquamarina facilita il rilascio: ci ricorda di “abbandonare” il nostro attaccamento alle nostre creazioni, di non esserne ossessionati nella realtà presente. l’acquamarina è perfetta se ad esempio state cercando di lasciarvi alle spalle rabbia, stress e problemi del passato. Vi insegna a guardare al futuro con una positività superiore. È una pietra profondamente positiva ed è un valido aiuto se cercate di superare un dolore che vi coinvolge dal punto di vista emotivo.
L’acquamarina assicura benessere e successo. Produce un senso di leggerezza e di tranquillità, infonde fiducia e rende sinceri, dinamici e perseveranti. L’energia dell’acquamarina rivela l’insospettabile potere trasformatore dell’ottimismo e del sorriso, a conferma del fatto che il miglior talismano per la buona fortuna sia proprio una mente positiva.
A livello generale è come un filtro che controlla un cattivo uso della parola come le critiche, le false testimonianze e altre espressioni erronee che avvelenano la mente e il corpo, impedendo all’uomo di vibrare positivamente per sintonizzarsi con le energie più elevate e benefiche e con il meglio di se stesso. Cancella le paure per il futuro, aiuta ad affrontare i problemi con una stabilità superiore.
È una pietra di pace, gioia e felicità, specialmente nelle relazioni perché sblocca la comunicazione e stimola a esprimere i propri sentimenti liberamente, consentendo una realizzazione completa di sé. È anche utile agli artisti e ai musicisti.

BENEFICI SULLO SPIRITO:

Le proprietà dell’acquamarina sono particolarmente rivolte al lato spirituale. Non a caso è stata considerata a lungo il cristallo per eccellenza di guaritori, mistici, sciamani e profeti.
• Rende più sincera e genuina la comunicazione con il Sé interiore e il Divino. Favorisce la crescita interiore e l’introspezione.
• L’acquamarina dona purezza. Se la indossate costantemente, esalta il vostro lato sensibile verso voi stessi e il prossimo. Vi aiuta a essere più tolleranti.
• Sintonizza il vostro spirito con quello della natura e di tutti gli esseri viventi.
• Così come l’acqua del mare riflette il cielo e i suoi misteri, l’acquamarina riflette la vostra anima permettendovi di esplorarne i misteri e le ombre.
• Promuove l’altruismo. Indossandola sarete più propensi a mettervi al servizio del prossimo. È considerata la pietra della giustizia.
• Indossare un ciondolo di acquamarina e tenerlo in prossimità del cuore per superare le paure e promuovere l’amore e l’altruismo. Per portare chiarezza nei vostri sentimenti, ridurre rabbia e amplificare l’empatia e la compassione.
• Se vi sentite affaticati e gli occhi pesanti, poggiate un cristallo di acquamarina sulle palpebre.

LEGGENDE LEGATE ALL’ACQUAMARINA:

Nella mitologia dei vari popoli l’acquamarina è la pietra del dio del mare. Veniva creduto il tesoro delle sirene. Una leggenda tra le più famose è quella che riguarda il dio del mare, Poseidone. In realtà più che di leggenda dovremo parlare di credenza popolare. I marinari erano soliti lanciare in mare degli amuleti costruiti in acquamarina per placare le ire di Poseidone e prevenirle. Proteggeva dall’annegamento e rendeva la pesca più fruttuosa.
Il nome acquamarina deriva comunque dal rinascimento. Prima di questo periodo era conosciuta semplicemente come berillio blu. Sembra inoltre che durante gli anni rinascimentali il regalo migliore per una sposa, nel giorno del matrimonio, era un gioiello in acquamarina. Questo perché simboleggia l’amore felice e aiuta la sposa a distinguere il vero dal falso. Quindi, se desiderate fare un bel regalo a un’amica che si sposa, optate per una collana in acquamarina. Veniva considerata anche la pietra dell’eterna giovinezza.

 

0 comments

SMERALDO : Pietra del segno del TORO

SMERALDO

“Riflette il colore della Natura che si risveglia,
che sconfigge l’immobilità ghiacciata dell’inverno”

Goethe

 

 

PIETRA: SMERALDO

SEGNO ZODIACALE: TORO

SIGNIFICATO

Lo smeraldo incarna un significato molto profondo per l’uomo da diversi secoli. E’ prima di tutto simbolo della speranza, del futuro, della crescita e del rinnovamento. E’ considerato un simbolo della verità in Amore, ma anche della giustizia e della compassione. Lo smeraldo è simbolo della natura che si rinnova.

Il color verde smeraldo nutre le relazioni familiari, sostiene durante l’avvio di una nuova impresa commerciale. E’ la pietra perfetta per sviluppare un progetto nel migliore dei modi, senza perdersi negli ostacoli assolutamente superabili.

CENNI STORICI

Il nome deriva dal greco Smaragdus e ha origine da un termine persiano che significa “pietra verde” . Secondo la tradizione indiana, invece, la parola smeraldo è la traduzione di Marakata, il cui significato è “il verde delle cose che crescono”. Lo smeraldo era dedicato alla dea Venere, è un simbolo di bellezza e il colore rappresenta la rinascita della natura in primavera. Nel Buddismo è considerato uno dei “sette tesori” e corrisponde alla saggezza.

Lo smeraldo fu estremamente diffuso nell’antico Egitto; Cleopatra era famosa per i suoi Smeraldi. Indossava meravigliosi gioielli e offriva in omaggio ai suoi dignitari smeraldi incisi con la sua immagine. Gli smeraldi erano per gli Egizi più di semplici gemme, collegate con la fertilità, l’immortalità, il ringiovanimento e la primavera. I Romani, invece, ritenevano che lo smeraldo avesse un effetto benefico per la vista, come scrisse Plinio: ”Se la vista si è indebolita o oscurata per aver osservato intensamente qualsiasi altro oggetto, viene rinfrescata e risanata fissando questa pietra”.

BENEFICI FISICI:

Lo  smeraldo ha un effetto benefico sugli occhi e guarisce i disturbi all’apparato respiratorio, soprattutto ai polmoni. Protegge il cuore, ha un’azione disintossicante sul fegato e sui reni e rafforza il sistema immunitario e nervoso.

Lo smeraldo riequilibra la circolazione sanguigna e linfatica. Associato al rame, allevia i disturbi reumatici. E’ considerato un rigenerante, capace di combattere l’invecchiamento e soprattutto un rivitalizzante di tutti gli organi. Lavora anche sulla colonna vertebrale e il sistema muscolare. Si ritiene che lo smeraldo possa offrire un buon supporto nella fase di recupero, dopo una malattia infettiva.

BENEFICI SULLA PSICHE

Lo smeraldo è simbolo di amore, prosperità e benessere. Stimola la crescita interiore, la sensibilità e il senso estetico. Promuove il desiderio di pace e armonia e favorisce l’amore e l’amicizia.

Lo smeraldo ha un’azione calmante sulle preoccupazioni: aiuta a superare i momenti difficili e rafforza la gioia di vivere, genera ottimismo e vitalità. Permette di collaborare con gli altri facilitando la comprensione reciproca.

Potenzia la memoria, la percezione, dona estrema lucidità mentale e fa nascere nuove idee per lo sviluppo e la realizzazione della personalità attraverso l’immaginazione e i sogni. . Indossare frequentemente uno smeraldo oppure tenerlo in casa, aiuta a stimolare la creatività. Se le idee migliori di solito vi arrivano mentre riposate, tenete lo smeraldo in camera da letto. Se arrivano mentre lavorate, sul banco da lavoro… mentre cucinate, in cucina…

Lo smeraldo allevia la depressione e l’insonnia. Rende in grado di vedere se stessi con uno sguardo sincero e sereno superando la paura dei propri limiti.

BENEFICI SULLO SPIRITO:

Tutte gli esemplari di smeraldo emettono questa energia e hanno un forte effetto sulle emozioni più profonde. I sentimenti come la compassione, la speranza, la lealtà, la rassicurazione, la gentilezza, la benevolenza, la bontà e l’amore incondizionato sono connessi a una forma di amore cosmico e spirituale, che abbraccia ogni essere vivente.

Durante i trattamenti di cristalloterapia, lo smeraldo viene usato per alleggerire il campo emotivo dell’aura dai pensieri negativi. Meglio di qualsiasi altra pietra riesce a rappresentare le emozioni che albergano dentro il cuore. Riequilibra il quarto chakra, bilanciando le emozioni e sintonizzandole con l’ambiente.

E’ la pietra giusta per voi quando vi sentite fuori controllo, troppo propensi a criticare e poco a comprendere gli altri. Vi rende più comprensivi, desiderosi di vivere con amore e compassione, donando e ricevendo dagli altri senza calcoli freddi. Lo smeraldo permette di sperimentare l’abbondanza, non solo in termini materiali ma anche spirituali.

Lo smeraldo viene usato anche nel Feng Shui. Rappresenta l’energia del legno. Va quindi posizionato nella stanza di un bambino piccolo per favorire la buona crescita, lo stesso vale per la stanza del lavoro, dove s’immagina debba crescere un progetto. Tendenzialmente è buona regola posizionarla nelle aree orientali o nella zona sud-est di una casa.

LEGGENDE LEGATE ALLO SMERALDO

Lo smeraldo è sacro a varie divinità. Come ad esempio ad Annapurna, dea indù del cibo, della nutrizione. Onora anche la dea fenicia della fertilità, della guerra e dell’amore. Cioè Astarte. Come tutti i cristalli verdi, è legata anche a Persefone, dea della primavera e della nuova crescita.

Lo smeraldo ha giocato un ruolo importante anche nella simbologia della vita-morte-rinascita. In passato veniva usato per chi moriva giovane, posizionato sotto forma di anello al dito. In Egitto era simbolo di vita eterna e si dice che sopra una tavola di smeraldo vennero incise alcune preghiere del Libro dei Morti. Lo smeraldo veniva posizionato al collo della mummia, come emblema di giovinezza e vita dopo la morte.

Sopra una tavola di smeraldo, Ermete Trismegisto, incise alcune parole di potere “Come sopra, così sotto”. Ritenuta infatti una pietra magica, capace di unire la vita spirituale a quella terrena. Si dice che questa pietra sia capace di proteggere dagli incantesimi e gli scongiuri.

 

Secondo Aristotele questa pietra ha il potere di trasformare qualsiasi persona in un bravo oratore. In Oriente viene attribuito a Mercurio, mentre nella nostra cultura a Venere. Nella storia del cristianesimo viene attribuito a San Giovanni, mentre nel Nuovo Testamento viene paragonata all’arcobaleno che incornicia il trono di Dio. Nel cristianesimo è simbolo di risurrezione.

0 comments

RUBINO : Pietra del segno dell’ARIETE

RUBINO

“..E’ la pietra che dona forza, energia e vitalità, un talismano per tutti coloro che desiderano il successo”

 

Segno Zodicale : ARIETE
Pietra Portafortuna : RUBINO
Nella tradizione magica indiana il rubino era apprezzato come la pietra che propiziava la benevolenza del sole. E’ la pietra che dona forza, energia e vitalità, un talismano per tutti coloro che desiderano il successo.

CENNI STORICI:
Il nome rubino proviene da “rube” (rosso), da sempre ha simboleggiato l’energia vitale ed il fuoco generatore. Archetipo universale dell’eroe e delle divinità solari: si ritrova sull’impugnatura della spada si Sigifrido, eroe dei Nibelunghi, o sulle pareti della dimora del Dio Sole in India.

BENEFICI MENTALI E PSICOLOGICI:
Al rubino si attribuisce il potere di placare la collera e di proteggere dalle malie. Stimola attivamente il chakra di base, o primo chakra, aumentando la vitalità e il “chi” – l’energia della forza vitale – in tutto l’organismo e nello spirito. Favorisce chiarezza mentale, concentrazione e motivazione e dona un senso di potere a chi lo indossa, con un’autostima e una determinazione che fanno superare la timidezza e spingono a osare.

BENEFICI FISICI:
Indossare un rubino, o portarlo con sé, aiuta a superare stanchezza e letargia. Stimola la circolazione, per rigenerare vitalità ed energia dell’organismo. Coloro che sono molto nervosi o irritabili, tuttavia, potrebbero trovare questa pietra iperstimolante, vedendo così aumentata la loro iperattività. Considerato un minerale legato al sangue, rafforza il cuore, il miocardio, i ventricoli e le coronarie, stimolando la circolazione sanguigna. Inoltre regola il ciclo mestruale e allevia i fastidi connessi. Ancora, è indicato per disintossicare corpo, sangue e linfa, aiuta quindi a combattere febbre e infezioni. Stimola i reni e la milza e contrasta i gonfiori a livello di gambe e piedi. Può aiutare anche nella regolazione del peso quando questo aumenta per fame nervosa.

 

0 comments

AMETISTA : Pietra del mese di febbraio

AMETISTA

“..IL SUO FUOCO INTERIORE NON APPARTIENE ALL’UOMO ; è UN INNO ESTERNO” J.R.SAUER

 

L’Ametista è la gemma legata ai nati in Febbraio e ai nati sotto il segno di pesci ed è anche la pietra del sesto anniversario di matrimonio. L’AMETISTA è la pietra dell’umiltà per la sua capacità di placare l’orgoglio e tradurlo in riflessione ed introspezione. Riduce la collera ed ha effetti benefici sullo stress da lavoro.

ORIGINI, STORIA E CURIOSITA’ :

La leggenda vuole che l’ ametista prenda il nome dalla ninfa Amethos di cui si innamorò Bacco. Un giorno mentre la divinità era ubriaca, si mise a rincorrere la ninfa. Quando Bacco raggiunse Amethos, questa disperata pregò e invocò la dea Diana a cui era votata. Una volta acciuffata, anziché la ninfa Bacco si trovò tra le mani una manciata di cristalli splendenti, che portavano il colore del vino, all’accaduto Bacco tornò subito sobrio, da quel momento si crede che l’ ametista sia un ottima cura contro le ubriacature e che basti mettere una pietra nel vino per non ubriacarsi. Infatti oltre coppe nel medioevo erano fatte proprio di ametista. L’ametista è stata ritenuta come pietra portatrice di temperanza e morigeratezza, è per questo diventata la pietra degli anelli episcopali. Inoltre i sacerdoti ebrei, la indossavano come simbolo di potere spirituale: era la pietra che stava al centro del razionale. Gli antichi Romani, facevano leva sul suo potere di pietra stimolante la forza fisica per imporre la loro dominazione sulle altre genti. Gli Egizi la usavano come pietra dai poteri curativi per disperdere timori e sensi di colpa e come pietra protettiva durante i viaggi. Quando gli ambasciatori egizi dovevano avventurarsi fuori dalle città principali, indossavano un’ ametista intorno al collo come protezione da tradimenti e da attacchi a sorpresa. Furono i Greci a coniare il termine ametista, col significato di senza ubriachezza, perchè come abbiamo visto, sia i greci che i romani la usavano per proteggersi contro gli eccessi del bere e del mangiare. Inoltre la coppa di ametista serviva oltre che per prevenire le ubriacature, anche per prevenzione contro gli avvelenamenti. In caso di mal di testa la pietra veniva riscaldata e messa sulla testa.
Era inoltre utilizzata nel medioevo come protezione dalle azioni di streghe e maghi e si diceva che l’ ametista perdesse il colore in caso di malvagità contro il possessore. Favoriva il potere spirituale e psichico della mente.
Il viola nasce dall’incrocio fra il rosso della passione e il blu del distacco, appunto per questo conferisce equilibrio agli eccessi, dalle ebrezze per il corpo e per lo spirito. E’ associata al dio Mercurio, Ermete per i greci e Thot per gli egizi. Il metallo di mercurio quando portato ad ebollizione emette vapori violetti e perde il suo splendore argenteo.
La tradizione indiana vuole che pietre di ametista vengono regalate alle spose nel giorno delle nozze, pegno di fedeltà, umiltà.

Benefici a livello fisico:

L’ametista a livello cromatico è collegata al sesto chakra, lavora su tutta la sfera del sistema nervoso, attenuando dolori e tensioni. Calma mal di testa ed emicranie, allevia contusioni ed ha un effetto benefico sulla pelle e sui polmoni.
Inoltre, l’ametista è collegata all’elemento acqua e all’universo femminile in generale, questa pietra vulcanica aiuta, quindi, a regolare i liquidi corporei facilitandone il riassorbimento, attenua i gonfiori e regola la flora batterica.

Benefici a livello psichico e mentale
Dona pace: calma la mente e la placa dai pensieri caotici, favorendone così la concentrazione. Tenere vicina l’ametista permette di affrontare i problemi sotto la giusta prospettiva. Guardare attraverso la lente di questo quarzo aiuta a vedere tutto in una dimensione nuova, favorendo la percezione consapevole e la rielaborazione delle esperienze. Aiuta a superare i momenti difficili della vita e aiuta la persona a vedere con chiarezza la situazione in cui si trova, senza lasciarsi sopraffare dagli eventi.Stimola l’intuito, infatti nella cristallo-terapia l’ametista viene posizionata sul terzo occhio con lo scopo di aiutare la persona a superare tutti gli schemi mentali divenuti obsoleti.
Stimola sonni tranquilli e chiari, messa sotto il cuscino, combatte l’insonnia facilitando sogni piacevoli e allontanando gli incubi

Benefici a livello spirituale:

In cristallo-terapia l’ametista viene utilizzata proprio per le questioni dello spirito. Collegata al sesto chakra, l’ametista promuove l’apertura del terzo occhio, di vedere oltre la forma e le apparenze. Stimola la consapevolezza spirituale e la presa di coscienza della realtà oltre la materia; aiuta a comprendere le motivazioni spirituali che esistono dietro gli avvenimenti; in questo senso aiuta anche nella rielaborazione del lutto e del dolore. Favorisce la capacità introspettiva, porterà la persona che la indossa a rafforzare il senso di giustizia, l’onestà e l’umiltà.
L’ ametista può essere inoltre utilizzata per purificare gli ambienti, infatti ha la proprietà di assorbire le energie negative e le influenze nefaste

Ametista nella vita quotidiana: come utilizzarla:

Potete decidere di indossare collane di ametista, orecchini di ametista oppure, tenere una drusa o un geode in casa. Qualcuno opta per un esemplare burattato da tenere in tasca o sotto il cuscino. Vediamo 8 metodi d’impiego dell’ametista!

  1. Contro l’insonniaPosizionate un piccolo esemplare burattato nella fodera del cuscino. In questo modo non rischiate di perderla e non darà fastidio. Vi aiuterà a trovare il sonno e liberare la mente da tutte le preoccupazioni che vi impediscono di riposare bene.
  2. Per avere sogni chiarificatoriSe quello che cercate è un sogno chiarificatore o premonitore, l’ametista potrebbe proprio far a caso vostro. Stimola il terzo occhio e vi permette di vedere lontano, oltre le apparenze. Comprenderete meglio la simbologia del mondo onirico.
  3. Per vedere oltreSe desiderate affinare il vostro intuito, dovete indossare orecchini d’ametista, in modo tale da tenere la pietra il più possibile vicina al terzo occhio.
  4. Se volete purificare l’ambienteLe proprietà purificatrici sono date dalla drusa di ametista. Basta tenere la pietra nell’ambiente che intendete purificare e si occuperà di tutto lei!
  5. Per purificare altre pietre o ciondoliSe avete pietre da purificare, il geode di ametista viene in vostro soccorso, purché sia un esemplare piuttosto grande da contenere altre pietre. Tenete i vostri ciondoli o cristalli al suo interno per 24 ore.
  6. Per purificare il corpoGli elisir di pietre sono il metodo migliore, quello più veloce e ovviamente privo di controindicazioni. Dovete tenere la pietra in acqua per 24 ore prima di berla (attenzione a non buttar giù anche il cristallo!).
  7. Per non ubriacarsiSi tratta solo di una leggenda, ma tentar non nuoce! Si dice che l’ametista impedisca a chi beve alcol di ubriacarsi. Per svolgere questo compito, la pietra deve essere immersa nel bicchiere dal quale si sta bevendo.
  8. Per energizzare corpo, mente e spiritoPreparate come spiegato prima un elisir di ametista ma, invece di berlo, svuotate la bottiglia caricata nella vostra vasca da bagno. Aggiungete qualche olio essenziale e rilassatevi!